Spazio pubblicitario
Elezioni 2024, non solo USA: emergenti alle urne 
Investimento nei mercati Emergenti

Elezioni 2024, non solo USA: emergenti alle urne 

Il nuovo anno porta con sé un turno elettorale importante dal punto di vista geopolitico a Taiwan, Indonesia, India, Messico, Sudafrica e Romania.
Imagen del autor

10 GEN, 2024

Di J. Safra Sarasin

featured
Convidivi
LinkedInLinkedIn
TwitterTwitter
MailMail

AUTORE: Mali Chivakul, Emerging Markets Economist di J. Safra Sarasin

Il nuovo anno porta con sé un turno elettorale importante dal punto di vista geopolitico a Taiwan. La vittoria del partito in carica potrebbe implicare il persistere di tensioni nello Stretto di Taiwan. La popolarità dell'attuale leader in India, Indonesia e Messico favorisce la continuità politica. In Indonesia, tutti e tre i candidati hanno dichiarato che continueranno con le politiche favorevoli agli investimenti promosse dal presidente Joko Widodo. In India, le recenti vittorie del BJP nelle elezioni statali sono andate a rafforzare il tentativo del Primo Ministro Modi di prolungare per un terzo mandato. Il candidato principale del Messico è la pupilla dell'attuale Presidente. Rimangono dubbi sul fatto che segua rigorosamente il percorso politico del presidente AMLO. Anche la popolazione sudafricana voterà l'anno prossimo per decidere se il partito ANC resterà al potere in un contesto economico in crisi. In Romania, l'ascesa del partito di estrema destra sarà tenuta sotto stretta osservazione in Europa.

Le elezioni a Taiwan sono previste per il 13 gennaio 2024. L'attuale vicepresidente Lai Ching-te è il candidato presidenziale del partito in carica, il Partito Democratico Progressista (DPP). I partiti di opposizione Kuomintang (KMT) e Partito Popolare di Taiwan (TPP) hanno cercato di formare una coalizione, ma non sono riusciti a trovare un accordo. Le elezioni saranno quindi una corsa a tre. Il KMT è più amichevole con la Cina e una vittoria del DPP significherebbe probabilmente che le tensioni tra le due sponde dello Stretto rimarranno. La candidata vicepresidente del DPP, Hsiao Bi -khim, è stata fino a poco tempo fa rappresentante di Taiwan negli Stati Uniti. La sua candidatura sottolinea l'importanza delle relazioni di Taiwan con gli Stati Uniti e la Cina. Secondo gli ultimi sondaggi, il candidato del DPP, Lai-Hsiao, è in testa con il 31% dei consensi, ma la corsa rimane molto combattuta.

Le elezioni in Indonesia si terranno il 14 febbraio 2024. Dopo due mandati, il presidente Joko Widodo (Jokowi), che resta molto popolare, non può correre per un altro mandato. Ci sono tre candidati. Uno è Prabowo Subianto, attuale ministro della Difesa, tre volte candidato alla presidenza e in passato uomo forte dell'esercito. La sua candidatura è stata favorita dall'avere il figlio di Jokowi come compagno di corsa, anche senza un chiaro sostegno verbale da parte di Jokowi, dato che il suo partito propone un altro candidato, Ganjar Pranowo. Prabowo è attualmente in testa nei sondaggi con il 39% rispetto al 30% di Ganjar. L'ingresso del figlio di Jokowi nelle liste elettorali suggerisce che il Presidente Jokowi ha esercitato la sua influenza sul sistema politico creando una nuova dinastia politica, considerando che dall'indipendenza l'Indonesia è stata governata da un paio di famiglie. Tutti i candidati hanno dichiarato che continueranno con le politiche di Jokowi.

Le elezioni generali in India si terranno tra aprile e maggio del prossimo anno. Recentemente si sono tenute le elezioni statali in 4 Stati. Il partito Bharatiya Janata (BJP) del Primo Ministro Modi ha vinto 3 delle 4 consultazioni statali. La vittoria a livello statale ha rafforzato la candidatura del premier Modi per un altro mandato alle prossime elezioni generali, a tal proposito si prevede che condurrà la campagna elettorale sulla continuità politica. L'indice di gradimento del premier Modi è costantemente alto, con l'ultimo dato al 76% secondo i sondaggi di Morning Consult, il più alto tra i leader di tutto il mondo. La vittoria gli darebbe la possibilità di continuare ad attuare riforme strutturali per facilitare gli investimenti esteri – i capitali esteri sono desiderosi di entrare in India per trarre vantaggio dal mercato interno e per diversificare rispetto alla Cina.

Le elezioni presidenziali e generali in Messico si terranno il 2 giugno 2024. Il candidato del partito Morena del presidente Andres Manuel Lopez Obrador (AMLO) è l'ex sindaco di Città del Messico Claudia Sheinbaum. Il suo principale avversario è Xochitl Galvez, dell'alleanza di opposizione. Il presidente AMLO ha mantenuto un alto indice di gradimento, superiore al 60%, durante il suo mandato. Il suo sostegno a Sheinbaum ha quindi portato a un ampio vantaggio nei sondaggi. Nell'ultimo, Sheinbaum ha il 52% dei consensi, rispetto al 25% di Galvez. È importante capire se Sheinbaum seguirà rigorosamente la politica del Presidente AMLO. Due aree importanti saranno il settore energetico e il cambiamento climatico. Il presidente ha favorito il settore energetico tradizionale delle aziende statali messicane a scapito degli investimenti delle aziende private nelle rinnovabili. Questo aspetto ha creato tensioni in tutti i Paesi del Nord America ed è diventato di grande attualità dato il background di Sheinbaum come scienziato del clima. Il Messico ha bisogno di maggiori investimenti nel settore energetico per agevolare il boom del nearshoring. Potremmo dire che il nearshoring si è verificato nonostante la politica poco favorevole agli investimenti di AMLO. Se ci saranno cambiamenti positivi su questo fronte, il potenziale di crescita del Messico potrebbe aumentare nel medio termine.

In Sudafrica, le elezioni generali sono previste tra maggio e agosto. Negli ultimi anni il Sudafrica ha dovuto affrontare un deterioramento dei risultati economici e della qualità istituzionale. Il Paese è ora afflitto da frequenti interruzioni di corrente e ha il più alto tasso di disoccupazione tra le principali economie. Le elezioni coincideranno probabilmente con un voto di approvazione per il partito African National Congress (ANC), che governa il Sudafrica dal 1994. Il consenso dell'ANC è diminuito nel tempo e ora è al 45% negli ultimi sondaggi; è sceso al 40% in aprile, periodo di maggiore gravità delle interruzioni di corrente di quest’anno. Il più grande partito di opposizione, Democratic Alliance, è al 31%. La perdita della maggioranza da parte dell'ANC potrebbe implicare un governo di coalizione.

L’ultima tornata di elezioni nei mercati emergenti del 2024 si terrà in Romania a novembre, quando scadranno sia il mandato parlamentare che quello presidenziale. La recente decisione dell'attuale coalizione di aumentare (e riformare) le pensioni potrebbe essere vista come parte della spesa pre-elettorale, dato che le misure di compensazione per tenere sotto controllo il deficit fiscale non sono state confermate. Gli ultimi sondaggi suggeriscono che l'attuale coalizione di governo (socialdemocratici e liberali) sarebbe leggermente al di sotto di una maggioranza assoluta, ed è possibile che il partito di estrema destra possa guadagnare terreno. Ma a novembre manca ancora un anno e molto potrebbe accadere fino ad allora.

Spazio pubblicitario