Spazio pubblicitario
Azionario: quanto contano (davvero) le valutazioni?
Consulenza finanziaria

Azionario: quanto contano (davvero) le valutazioni?

La performance dei titoli tecnologici statunitensi a grande capitalizzazione e la loro possibile sopravvalutazione sono state al centro dell’attenzione di analisti e investitori nel corso dell’ultimo anno e oltre. 
Imagen del autor

15 MAR, 2024

Di Moneyfarm

featured
Convidivi
LinkedInLinkedIn
TwitterTwitter
MailMail

AUTORE: Richard Flax, Chief Investment Officer di Moneyfarm

La performance dei titoli tecnologici statunitensi a grande capitalizzazione e la loro possibile sopravvalutazione sono state al centro dell’attenzione di analisti e investitori nel corso dell’ultimo anno e oltre. 

Dal grafico seguente, che mette a confronto i titoli Usa a grande e media capitalizzazione, emerge una sovraperformance dei primi rispetto ai secondi.

Diagramma - US Large Caps Stocks vs Mid-Cap Stocks

Se si confronta poi il rapporto prezzo/utili tra large e mid-cap Usa, si noterà come nell'ultimo decennio gli investitori azionari abbiano assegnato alle prime una valutazione più elevata rispetto alle seconde, mentre le Big Tech hanno visto un ulteriore re-rating. 

Diagramma - US Large Caps vs Mid Caps relative forward price / earings ratio

Da qui il dibattito sulla possibile sopravvalutazione dell’azionario statunitense e, in particolare, delle large-cap. Le valutazioni, però, non sono sempre decisive, come dimostrano i grafici seguenti. 

Il primo confronta la valutazione iniziale delle large-cap Usa con il successivo rendimento a un anno: la valutazione iniziale in termini di rapporto prezzo/utili non è indicativa del rendimento nei dodici mesi successivi.  

Diagramma - Comparazione della valutazione

Ampliando a dieci anni l'orizzonte temporale di riferimento, il quadro cambia: se si confronta il rapporto prezzo/utili iniziale delle large-cap Usa con il loro rendimento decennale annualizzato, la valutazione iniziale riveste decisamente maggiore importanza. L’acquisto di azioni Usa a valutazione inferiore ha favorito (non garantito, certo) i rendimenti nel lungo periodo.

Diagramma - Comparazioe della valutazionen

In conclusione, i dati dimostrano come le valutazioni non siano funzionali al market timing nel breve periodo, ma contano molto di più nel lungo termine: acquistare quando le valutazioni sono basse e rimanere investiti si è dimostrata una combinazione vincente

Spazio pubblicitario