Spazio pubblicitario
Il franco svizzero, una benedizione e una maledizione
Valute

Il franco svizzero, una benedizione e una maledizione

Poiché le possibilità di un maggiore apprezzamento reale del franco sono limitate, la crescita strutturale delle aziende svizzere dovrebbe riflettersi anche in un aumento degli utili in franchi nei prossimi anni.
Imagen del autor

20 FEB, 2024

Di GAM Investments

featured
Convidivi
LinkedInLinkedIn
TwitterTwitter
MailMail

AUTORE: Thomas Funk, Investment Director di GAM

L'inflazione deve essere presa in considerazione

L'anno scorso, il franco svizzero si è nuovamente apprezzato in maniera significativa e ha pesato sui profitti delle aziende svizzere attive a livello internazionale. Poiché molte società svizzere realizzano gran parte dei loro utili all'estero, l'andamento del franco svizzero ha un impatto diretto sugli utili delle società quotate in Svizzera. Gli utili generati all'estero devono essere convertiti in franchi svizzeri. Se il franco svizzero si apprezza, gli utili in franchi svizzeri diminuiscono; se si deprezza, gli utili aumentano in termini di franchi svizzeri. Tuttavia, questa semplice regola è insufficiente perché non tiene conto dell'inflazione.

Dall'inizio degli anni Novanta, cioè 33 anni fa, il franco svizzero ha attraversato varie fasi. Dal 1990 al 2007 si è apprezzato a un ritmo moderato. Poi, nella seconda metà del 2007, è scoppiata la crisi finanziaria globale, seguita dalla crisi dell'euro. L'apprezzamento si è accelerato nel 2008 e nel 2011 la fuga verso il franco svizzero è diventata così forte che la Banca nazionale svizzera (BNS) ha introdotto un tasso di cambio minimo rispetto all'euro, limitando così l'apprezzamento del franco. Quando la BNS ha rimosso il limite all'inizio del 2015, il franco svizzero ha registrato un breve apprezzamento, ma la situazione si è poi calmata e si è instaurato un movimento laterale che è durato fino alla fine del 2019. Da quel momento in poi, il franco svizzero si è nuovamente apprezzato a un ritmo accelerato.

Costi di produzione paragonabili a quelli del 1990

L'apprezzamento nominale del franco svizzero ponderato per il commercio dal 1990 può essere spiegato quasi esclusivamente dalla minore inflazione in Svizzera rispetto ad altri Paesi. Ciò indica anche che i costi di produzione delle imprese svizzere rispetto alla concorrenza internazionale sono piuttosto simili a quelli del 1990. È probabile che i costi di produzione all'estero siano aumentati molto di più che in Svizzera a causa dell'inflazione più elevata, misurata nelle rispettive valute nazionali. Se i tassi di cambio fossero rimasti invariati, l'economia svizzera avrebbe quindi ottenuto un chiaro vantaggio sulle esportazioni nel corso del tempo. Tuttavia, ciò è stato compensato dall'apprezzamento del franco svizzero, per cui oggi, in termini relativi, le condizioni di costo della produzione dovrebbero essere simili a quelle del 1990. Allora come oggi, tuttavia, la Svizzera è un Paese con salari elevati. Ciò richiede un'elevata produttività da parte delle aziende e rende essenziale concentrarsi su prodotti ad alto valore aggiunto. Tuttavia, le condizioni di produzione sono cambiate ripetutamente negli ultimi 33 anni.

I prezzi all'estero sono tendenzialmente aumentati più nettamente rispetto all'apprezzamento del franco svizzero, a causa dell'aumento dell'inflazione. Inoltre, le condizioni di produzione in Svizzera sono diventate sempre più interessanti grazie alla relativa svalutazione del franco. I profitti delle società quotate alla borsa svizzera erano in piena espansione.

La crisi finanziaria globale ha poi modificato le condizioni monetarie a livello mondiale. I tassi di interesse sono stati ridotti a zero o, come in Svizzera, al di sotto dello zero. Le banche centrali hanno ampliato la base monetaria ed è iniziata la fuga verso il franco svizzero. Di conseguenza, il franco si è apprezzato massicciamente, sia in termini nominali che reali. L'inflazione in Svizzera era molto bassa, ma è aumentata leggermente nell'eurozona e negli Stati Uniti. Ciò ha dato ulteriore slancio all'apprezzamento. Tuttavia, la maggior parte della rivalutazione è avvenuta in termini reali. In Svizzera, ha bloccato qualsiasi slancio di profitto sulla borsa svizzera.

La BNS ha quindi introdotto un tetto all'euro, che ha difeso fino all'inizio del 2015. Questo ha portato il tasso di cambio a un livello che ha permesso all'economia di adeguarsi. Una scossa ha attraversato le aziende e molte hanno subito una vera e propria cura di “fitness”. Il panorama aziendale svizzero si rafforzò gradualmente. Vennero tagliati i costi, sviluppati nuovi prodotti e abbandonate le linee di business non redditizie. Il massimale della BNS ha dato alle imprese tempo e sicurezza di pianificazione per attuare le misure. Tuttavia, il tetto massimo era solo una soluzione temporanea, poiché i differenziali di inflazione si muovevano continuamente in direzione di un franco più forte. Nel gennaio 2015 la BNS ha preso la coraggiosa decisione di revocare il tetto. Da allora il tasso di cambio reale del franco svizzero ponderato per il commercio ha oscillato tra 95 e 105. Alla fine del 2023, con un valore di circa 106,3, era leggermente al di sopra di questa fascia.

Nel 2020, la pandemia di Covid-19 ha cambiato nuovamente il contesto economico. L'inflazione è aumentata a causa delle interruzioni dei flussi commerciali con i principali partner commerciali della Svizzera (Europa e Stati Uniti). In Svizzera, la tendenza è stata più moderata. Di conseguenza, i differenziali d'inflazione si sono notevolmente ampliati. Ciò ha creato spazio per l'ultima ondata di apprezzamento del franco.

Le aziende svizzere hanno adeguato i loro prezzi in linea con la tendenza generale, ma in seguito hanno dovuto restituire parte degli aumenti di prezzo a causa dei maggiori differenziali di inflazione e del conseguente apprezzamento del franco svizzero. Un vantaggio del franco svizzero è che l'inflazione più bassa ha preservato il potere d'acquisto dei cittadini svizzeri meglio di quelli dell'eurozona o degli Stati Uniti, anche se gli aumenti salariali all'estero sono stati più pronunciati che in Svizzera.

Cosa significa per il futuro?

Il programma di “fitness” successivo alla crisi finanziaria globale ha insegnato alle aziende svizzere cosa devono fare. Hanno continuato a lavorare sulla produttività e sull'innovazione per guadagnare competitività e quote di mercato. Questo dovrebbe portare a una crescita dinamica degli utili non appena la ripresa inizierà a farsi sentire. Se l'inflazione continuerà a diminuire, le prospettive dovrebbero migliorare.

La maggior parte delle società quotate in borsa oggi non persegue più un modello di pura esportazione dalla Svizzera, ma produce a livello internazionale. Ad esempio, possono aumentare maggiormente i prezzi in un'area monetaria con tassi di inflazione più elevati rispetto alla Svizzera, ma perdono questo reddito aggiuntivo derivante dall'aumento dei prezzi nel lungo termine quando il franco svizzero si apprezza. Poiché in questi Paesi i costi di produzione aumentano di solito più rapidamente, è necessario lavorare costantemente sulla produttività. Molte aziende svizzere hanno interiorizzato questo aspetto perché si sono sviluppate da un Paese con una moneta forte. Espandendosi geograficamente, si stanno espandendo massicciamente in nuovi mercati e di conseguenza guadagnano di più. Poiché le possibilità di un maggiore apprezzamento reale del franco sono limitate, la crescita strutturale delle aziende svizzere dovrebbe riflettersi anche in un aumento degli utili in franchi nei prossimi anni.

Spazio pubblicitario