Spazio pubblicitario
Perché è un buon momento per investire in obbligazioni emergenti
Investimento nei mercati Emergenti

Perché è un buon momento per investire in obbligazioni emergenti

Imagen del autor

14 SET, 2023

Di BNY Mellon

featured
Convidivi
LinkedInLinkedIn
TwitterTwitter
MailMail

AUTORE: Philip Shucksmith, gestore del portafoglio BNY Real Return Fund

Nel navigare nei mercati, consideriamo tre fattori principali: i driver strutturali, i driver ciclici e la valutazione. Considerando ciascuno di questi fattori a turno, concludiamo che ci troviamo in un interessante punto di svolta per gli asset dei mercati emergenti.

I driver strutturali per diverse importanti economie emergenti sono ragionevolmente ben compresi. Profili demografici favorevoli con il potenziale di una forte crescita della forza lavoro che supporta il potenziale di crescita del consumo interno. Lo stadio di sviluppo dell'India, in particolare, la pone in un punto di svolta per la realizzazione di infrastrutture simile a quello della Cina 30 anni fa, e ciò avviene in un momento in cui gli investimenti a livello globale per la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici stanno iniziando a spingere una nuova ondata di domanda di materie prime, a beneficio di paesi come l'Indonesia, il Perù e il Brasile, ricchi in minerali per la transizione energetica.

I driver ciclici sono, tuttavia, altrettanto, se non più importanti da considerare per gli investitori, poiché il ben noto caso strutturale a favore degli asset dei mercati emergenti può essere minato per periodi prolungati da fattori ciclici. L'ultima decade di tassi di interesse vicini allo zero ha creato una concentrazione molto stretta su un sottile strato di azioni internet e ingegneria finanziaria invece che su effettivi investimenti in capitale. Ciò è coinciso anche con un periodo di forza del dollaro USA che ha raggiunto l'apice nel 2022, mettendo una significativa pressione sul sistema offshore del dollaro USA. Oggi vediamo prove che i fattori ciclici stanno virando a favore di alcuni mercati emergenti.

Paesi come il Messico, il Brasile, l'Indonesia e l'India hanno probabilmente navigato meglio la pandemia di Covid rispetto a molte economie occidentali, con conseguente minori squilibri inflazionistici persistenti, minori interferenze fiscali e il relativo onere del debito governativo associato. Ciò ha permesso loro di aumentare i tassi di interesse in modo tempestivo per contrastare l'inflazione. Oggi le banche centrali come quella del Messico sono in una posizione tale da poter iniziare a abbassare i tassi di interesse e stimolare l'economia in un momento in cui molte banche centrali dei mercati sviluppati sono ancora in posizione difensiva nel combattere l'inflazione, e ci aspettiamo che il periodo estremo di forza del dollaro USA cominci a invertirsi.

La valutazione da sola non è una ricetta per rendimenti elevati; tuttavia, crediamo di partire da valutazioni relativamente non esose per molti asset dei mercati emergenti quando considerate in termini assoluti e certamente in confronto a molti asset dei mercati sviluppati. Questo si è verificato attraverso alcuni anni difficili di declassamento e sotto-performance.

Al momento esprimiamo la nostra visione costruttiva sugli asset dei mercati emergenti in quattro modi: esposizione diretta all'azionario, esposizione indiretta all'azionario, debito governativo locale e valute. Ci piacciono le finanziarie dei mercati emergenti per ottenere un'esposizione a leva allo sviluppo interno. Ad esempio, HDFC bank in India fornisce una garanzia sull'accelerata crescita dell'economia indiana, pur operando su una valutazione ragionevole. Per l'esposizione indiretta all'azionario, ci piacciono le aziende occidentali elencate come Unilever, che trae oltre il 50% delle sue vendite dai mercati emergenti.

Sul lato dei titoli di Stato dei mercati emergenti ci sono un gruppo di nazioni che ora dipendono meno dal finanziamento in USD, avendo sviluppato mercati obbligazionari governativi denominati in valuta locale relativamente profondi e liquidi. Messico, Brasile e Indonesia sono tre esempi di mercati obbligazionari che attualmente deteniamo. Ci aspettiamo che i tassi di interesse e i rendimenti dei titoli scendano prima che accada nei molti mercati sviluppati. Sul fronte delle valute, ci piacciono il Peso messicano e il Real brasiliano rispetto al dollaro USA.

Spazio pubblicitario